Pizzarotti si arrende: ritirata la delibera che imponeva l’antifascismo per avere i buoni spesa

Il coro di proteste che si è levato dal centrodestra, a cominciare da Giorgia Meloni, ha costretto il Sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, a ritirare la delibera che imponeva l’antifascismo come condizione per ottenere i buoni spesa finanziati dal Governo.

Con un post su Facebook il Sindaco ha detto che l’inserimento delle condizionalità antifasciste è stato un errore di chi ha compilato il modulo e quindi, bontà sua, anche chi non si dichiara antifascista potrà essere aiutato a sopravvivere.

Non sappiamo se è una vittoria della destra o una resa della demenza, ma comunque, almeno in questa fase di emergenza, riemerge un poco di buonsenso. Persino tra gli ex-grillini neo-democratici come Pizzarotti…

Pubblicità
Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi