Primo maggio: salviamo il lavoro e le imprese dalla Globalizzazione

La Festa del Lavoro sarà oggi festeggiata all’ombra di una gigantesca rimozione. E non solo per il lavoro ucciso – i medici e gli infermieri sacrificati, ma anche le imprese che chiudono  – dall’emergenza del Coronavirus.

Come la festa della Liberazione del 25 aprile viene celebrata dalle Istituzioni italiane ignorando completamente la perdita di sovranità nazionale e popolare che l’Italia subisce a causa dell’Unione Europea, così oggi ci si riempie la bocca dei diritti dei lavoratori rimuovendo il dramma dell’attacco devastante che a questi valori viene dalla Globalizzazione dei mercati.

Il lavoro – anche prima del Covid-19 – manca sempre di più, si precarizza, viene incredibilmente sfruttato. Ogni anno che passa i diritti fondamentali dei lavoratori vengono erosi da legislazioni sempre più liberiste e spregiudicate, ma la responsabilità di tutto questo viene al massimo attribuita allo sviluppo delle tecnologie e all’avidità di imprenditori senza scrupoli. Ma queste in realtà sono solo cause marginali e derivate.

Il vero problema è la Globalizzazione dei mercati, dei capitali e della manodopera, una globalizzazione senza freni che non è una naturale evoluzione della Storia, ma una precisa scelta politica da parte di chi vuole massimizzare i profitti della finanza internazionale e delle multinazionali e nel contempo vuole distruggere le appartenenze e le identità dei popoli.

Grazie a questa Globalizzazione le multinazionali e la finanza internazionale possono delocalizzare le unità produttive nei paesi dove il lavoro costa di meno e può essere più facilmente sfruttato, facendo una concorrenza mortale a tutte le imprese che rimangono radicate nel territorio e per questo producono a costi sempre meno competitivi. Tutto questo è evidente a chiunque, ma – per paura di dare spazio al Sovranismo – nessuno, tra i sindacalisti che dovrebbero difendere i lavoratori e i rappresentanti di quella che dovrebbe essere una Repubblica fondata sul Lavoro, ha il coraggio e l’onestà di dirlo.

Assistiamo anche all’esaltazione del lavoro che viene fatto dagli immigrati, sentendo ripetere la solita menzogna che questo lavoro è indispensabile per pagare le nostre pensioni, ma nessuno degli uomini del Palazzo sembra comprendere che questi immigrati sono solo un “esercito industriale di riserva” (come diceva Carlo Marx) utile a svalutare e sfruttare meglio il lavoro del nostro Popolo.

I più estremisti nel coro, ancora tinto di rosso, dei sindacati e di ciò che rimane della sinistra sociale se la prenderanno genericamente con le imprese e con gli imprenditori, dimenticando che la Globalizzazione ha spostato i confini del conflitto sociale ed economico. Se due secoli fa poteva dividere i lavoratori dagli imprenditori, oggi questo conflitto unisce lavoratori e veri imprenditori contro l’aggressione delle multinazionali e dell’economia finanziaria. L’impresa è una cellula creativa e potenzialmente comunitaria che genera il lavoro, per questo la destra sociale si è sempre battuta per la partecipazione dei lavoratori alla gestione delle imprese.

Invece le multinazionali non sono imprese, sono solo gigantesche tecnostrutture che divorano le piccole e medie imprese e con esse la dignità del lavoro. Non c’è nulla di creativo nelle multinazionali, sono solo il braccio armato con cui la finanza internazionale domina l’economia reale.

Ma proprio la crisi creata dal Coronavirus sta stracciando gli ultimi veli che nascondono queste realtà. E di fronte al nostro popolo c’è un’alternativa chiara: o piegare la testa di fronte al potere dell’Unione Europea e delle forze globaliste e farsi ridurre alla fame, oppure costruire un nuovo “Fronte del lavoro e delle imprese” in grado di sconfiggere questi nemici.

Tre sono i pilastri di questo nuovo blocco sociale e istituzionale: uno Stato sovrano – promanazione dello Stato nazionale del Lavoro di Giovanni Gentile e della Repubblica fondata sul Lavoro della nostra Costituzione -, le piccole e medie imprese del nostro meraviglioso made in Italy e il mondo del lavoro in tutte le sue forme e manifestazioni.

Chi ancora oggi continua a dividere e contrapporre questi tre potenziali alleati è un nemico della dignità e del benessere del Popolo italiano. Chi – in nome dell’ammuffita “rivoluzione liberale” – contrappone le imprese allo Stato, non fa altro che consegnare le vere imprese al massacro delle multinazionali. Chi – in nome di un vecchio sindacalismo classista – contrappone ancora i lavoratori alle nostre imprese nazionali, prepara i disoccupati e i precari di domani. Chi ancora oggi contrappone i dipendenti privati ai dipendenti pubblici, le partite IVA al lavoro subordinato,  i dipendenti stabili ai precari e ai lavoratori in nero, divide il mondo del lavoro in una sporca guerra tra poveri.

Sta a noi Sovranisti, eredi della destra sociale e del sindacalismo nazionale,  saldare la grande battaglia per la sovranità nazionale e popolare con questo nuovo “Fronte del lavoro e delle imprese”.

Perché proprio da questa crisi può nascere una nuova speranza.

Pubblicità
Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi