Un esempio da seguire: tutti i militanti sovranisti di Rieti uniti nella solidarietà

Giovedì 30 aprile a Rieti donne ed uomini, ragazze e ragazzi, comunità militanti “che fanno riferimento ad un ambiente che ha fatto delle identità, sovranità e tradizione i propri valori di riferimento, hanno organizzato una raccolta alimentare davanti al supermercato Tigre di via Raccuini, dalle 9.00 alle 19.00, per raccogliere beni di prima necessità (alimentari e per l’igiene personale) da donare alle famiglie italiane in difficoltà”. lo scrivono gli organizzatori.

“La pandemia Covid si sta trasformando da emergenza sanitaria, in emergenza sociale. Piccoli e medi imprenditori, commercianti, lavoratori dipendenti sono stati messi in ginocchio dalla chiusura prolungata delle attività, i provvedimenti del governo sono rimasti proclami  vuoti, di contenuti e di soldi, lasciando come unica soluzione a chi ha visto crollare la propria attività, di chiedere prestiti alle banche. Le oltre mille famiglie che si sono rivolte al comune per avere accesso ai buoni spesa, o all’aiuto dei servizi sociali sono l’immagine concreta del dramma  in cui versa la nostra comunità. Chi nella propria storia ha fatto del servizio al proprio popolo una bandiera, oggi non si può tirare indietro davanti a questo grido di aiuto che proviene dalla nostra gente.”

“Per questo, mentre qualcuno rompe l’isolamento per sfilare con le bandiere rosse e festeggiare la guerra civile che insanguinò l’Italia nel secolo scorso, noi scendiamo in piazza, nel rispetto delle regole di distanziamento e protezione, per aiutare concretamente gli italiani. La solidarietà comunitaria è la radice in cui si identifica un popolo, solo superando l’egoismo individuale, l’isolamento e l’atomizzazione che i provvedimenti di distanziamento sociale stanno radicalizzando, noi potremo trovare la forza di rialzarci. Per questo militanti, provenienti da storie differenti, che legittimamente rivendicano, si ritroveranno giovedì uniti da un unico simbolo, il tricolore. Perché a noi di cantare dai balconi non ci è mai piaciuto, e davanti ad una sfida siamo abituati a rispondere presente, e scendere in trincea. Vi aspettiamo”.

Questo è il comunicato congiunto di Azione Studentesca, Lega Giovani, Casapound Rieti, Area Rieti, Protesta popolare senza violenza.

Pubblicità
Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi